Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+ 39 333 73 81 617

Il mio Blog

Non essere presenti sul web e sui social network nel 2018 è sinonimo di essere invisibili agli occhi di possibili clienti e contatti strategici. Non basta più avere la propria targa sul portone o il numero sulle Pagine Gialle, la digitalizzazione della propria attività è un processo fondamentale. I numeri parlano chiaro, in Italia nel 2018 circa 34 milioni di persone utilizzano i social network, mentre circa il 73% della popolazione è utente di internet. Convalidare la propria presenza online e mettere in atto una strategia di digital marketing significa rendersi visibili agli occhi della popolazione digitale che diventa sempre più numerosa

 

 

Digitalizzazione: un problema italiano

Nonostante i tempi corrano e internet sia oramai divenuto lo strumento protagonista del marketing, in Italia sono ancora in pochi gli imprenditori che hanno investito nelle risorse digitali e nelle strategie di web marketing. Sono ancora meno i liberi professionisti che hanno compreso la potenzialità del web per farsi conoscere e diventare delle figure fondamentali nel loro campo agli occhi degli altri. Inoltre, in molti pensano che un corso di personal branding o social media marketing li renda professionisti anche nel settore del web marketing e decidono di affidarsi a soluzioni fai-da-te che molto spesso non portano ai risultati sperati. Ecco perché, per quanto possa suonare ridondante o ovvio, è bene comprendere che esistono marketer specializzati nel digitale e nell’uso delle strategie di marketing per social network e web. È doveroso affidarsi a dei professionisti che sappiano fornire una consulenza specializzata e personalizzata per valorizzare la propria attività.

Il sito web: un punto di partenza

Avere un proprio sito internet è sempre un buon punto di partenza. Il sito web è la vetrina principale per essere visibili su internet. È il primo passo per avviare una strategia di personal branding. Il sito web serve a far conoscere la propria specializzazione, il proprio curriculum e anche i propri case study. Prevalentemente investire in strategie di posizionamento sul web, come la SEO o i servizi Google Business e Google Adwords, permette di acquisire una maggiore visibilità online e arrivare a più persone possibili. Trasformare i visitatori in clienti è poi un altro passaggio. La cosa fondamentale è capire che il sito web è il primo strumento per permettere la promozione di se stessi e della propria attività, ma soprattutto deve fornire le informazioni che siano la risposta al dubbio o alla necessità di chi ci sta cercando.

Un altro elemento molto importante è mantenere il proprio sito internet attivo. Registrare una costante attività permette, infatti, di dimostrare le proprie competenze e di acquisire maggiore visibilità online. L’elemento che dona dinamicità al proprio sito internet è senza dubbio il blog. Fare blogging è una tecnica consigliatissima per chiunque voglia istituirsi come un leader nel proprio settore, ma soprattutto per venire incontro alle necessità dei visitatori e possibili clienti. Il blog deve contenere informazioni utili e aggiornate. Una buona strategia SEO, una costante attività aiutano a migliorare la visibilità.

Social Network: creare una community e fidelizzare i clienti

Il sito web è senza dubbio il passaggio fondamentale per cominciare la propria attività online, ma la presenza si consolida ulteriormente attraverso le attività di networking. Prevalentemente i social network permettono di abbattere le distanze tra la propria clientela e la propria attività e di comunicare in tempo reale informazioni, servizi ed eventi. Inoltre, i social diventano strategici per portare traffico al proprio sito web e presentare quotidianamente la propria attività.

Facebook, Instagram e Twitter sono sicuramente i social network più usati e più conosciuti in Italia e nel mondo. La loro strategicità sta nella possibilità di creare campagne di promozione localizzate che permettono di comunicare un messaggio o promuovere un servizio in aree specifiche o a target d’utenza specifici, ma non solo. Questi social diventano fondamentali per la condivisione in tempo reale di aggiornamenti del proprio blog o del proprio sito internet, ma anche per interagire con i clienti e con altri esperti del settore.

Va specificato che il social più idoneo ai professionisti è Linkedin. Sebbene non possegga gli stessi carichi di utenza dei social di casa Facebook, Linkedin è fondamentale, se non indispensabile, per i liberi professionisti. Linkedin è infatti il social nato esclusivamente per il mondo lavorativo che permette di interagire con aziende e con altri lavoratori di uno specifico settore, ma anche di condividere articoli, notizie e post relativi al proprio settore. Ampliare la propria rete di networking tramite Linkedin permette di arrivare in tempo reale ad altri professionisti e a consolidare la propria immagine in un dato settore diventando un opinion leader.

 

È fondamentale perciò comprendere che la comunicazione web non è un argomento limitato al mondo delle grandi aziende o alla sfera privata. Negli ultimi tempi consolidare la propria presenza online significa fare del personal branding ed è per questo che è una strategia fondamentale per chiunque si voglia posizionare come un professionista in un dato settore, ma soprattutto per chi lo è già e tra i propri obiettivi ha quello di aumentare la propria rete di contatti e clienti. Comunicare non è un gioco da ragazzi, ma è un’attività che va pianificata e adattata alle proprie strategie ed è importante riconoscere che non si può essere una one-man band, ma che affidarsi ad esperti di marketing e comunicazione è la chiave di volta per il successo.

A cura di C.Moraci

Abruzzese di nascita, bolognese, per molti anni, di adozione, di nuovo abruzzese di ritorno. All’università ho avuto la grande fortuna di dedicarmi allo studio di ciò che più mi appassionava: la cultura e le lingue straniere.

 

Ed è stato così che dopo la Laurea e la Specializzazione in Lingua e Letteratura Russa, ho anche intrapreso il percorso del Dottorato di Ricerca in Letterature Comparate presso la Scuola Dottorale dell’Università di Bologna. Anni spesi a capire culture lontane, non soltanto alla scrivania, ma viaggiando per lunghi periodi (e freddi inverni!) soprattutto tra Mosca e San Pietroburgo.

Informativa Privacy
Leggi tutto